Questo sito utilizza cookies per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo. Maggiori informazioni al link Cookies

La nuova scienza dell'amore.


 

LA NUOVA SCIENZA DELL'AMORE
(video minuti 05:43)
Dott. Danilo Toneguzzi

 

I rapporti umani non sono per nulla semplici…
E questo lo sappiamo dalla nostra esperienza diretta e personale: non è facile interagire con le persone sconosciute, ma non è facile interagire nemmeno con i conoscenti; anzi, alle volte proprio con le persone con cui abbiamo più confidenza nascono, problematiche e conflitti.

Nel mondo degli affetti, spesso, questo rischia di danneggiare la relazione, proprio con quelle persone che ci stanno più a cuore.
A tal punto che la psicologia e le scienze umane da decenni studiano le varie dinamiche relazionali, studiano i principi della comunicazione proprio per poter identificare quegli aspetti, quegli elementi e quegli strumenti che ci permettono di gestire al meglio le nostre relazioni e di poter trovare delle buone soluzioni per far si che i nostri rapporti, sopratutto quelli significativi, crescano, si approfondiscano e siano sufficientemente soddisfacenti.
E recentemente, negli ultimi anni, queste conoscenze si sono arricchite ulteriormente: ora possiamo dire di avere una visione molto più completa di quello che è il mondo dell’affettività, di quello che è il mondo della comunicazione all’interno dei rapporti affettivi.
È stato dato un nome - “nuova scienza dell’amore” - a questo bagaglio di conoscenze; questo termine è stato coniato da Sue Johnson, una delle maggiori e più rappresentative ricercatrici e terapeute nell’ambito delle relazioni affettive, soprattutto della relazione di coppia.

La nuova scienza dell’amore riconosce innanzitutto che c’è una base biologica all’affettività.
Infatti l’affettività non è soltanto qualcosa che permette alla nostra vita di essere migliore ma è un aspetto fondante la sopravvivenza stessa. Infatti quando il cucciolo viene al mondo necessita, per la sua sopravvivenza, di un ambiente relazionale sufficientemente caldo, sicuro e protettivo. Questo per permettergli di instaurare una relazione di attaccamento che diventi una base di appoggio per il suo sviluppo e per la sua crescita.
Quando un cucciolo non ha la possibilità di instaurare con i grandi, con mamma, con papà o con le persone che si prendono cura di lui una relazione di attaccamento sufficientemente sicura, si è visto che da adulto ci sono molte più difficoltà nel creare relazioni e ci sono più difficoltà nel sentirsi a proprio agio nella dimensione affettiva.

In secondo luogo la nuova scienza dell’amore riconosce anche l’importante legame che c’è tra l’affettività e la sicurezza. Sicuramente il senso di sicurezza permette di stare in maniera più agevole all’interno delle relazioni affettive: il senso di sicurezza è un presupposto fondamentale per le relazioni affettive. Ma è altrettanto vero che, se abbiamo la possibilità di avere delle buone relazioni affettive che generano un senso di legame, questo contribuisce ulteriormente a sviluppare quel senso di sicurezza interiore che ci permette di crescere e di muoverci come adulti responsabili.
E quindi, la qualità delle relazioni affettive permette di sviluppare quella capacità di autoregolazione delle nostre emozioni, permette di sviluppare quella che nel linguaggio tecnico si chiama resilienza e quindi quella capacità di poter fronteggiare meglio le nostre situazioni.
Quindi, se è vero, che il senso di sicurezza permette di stare meglio all’interno delle relazioni affettive è altrettanto vero che la qualità delle relazioni affettive permette di crescere nella nostra forza d’animo.

Infine la nuova scienza dell’amore ha identificato quelli che sono gli elementi fondamentali - gli ingredienti - per poter sviluppare una relazione affettiva fondata sull’amore e sviluppata all’interno dell’amore. E questi ingredienti non sono infiniti, non sono tantissimi: sono tre aspetti fondamentali che se abbiamo la possibilità di riconoscere e di coltivare abbiamo molte più chance di poter creare e mantenere le nostre relazioni affettive più funzionali possibili.

Quindi ora abbiamo una serie di conoscenze utili e preziose per poter gestire meglio i nostri rapporti umani soprattutto i rapporti che ci stanno a cuore, i rapporti affettivi. Abbiamo la possibilità di riconoscere meglio le situazioni problematiche, le varie tipologie di conflitto per poter trovare delle buone soluzioni all’interno del rapporto con i figli o con i genitori o all’interno della relazione di coppia, o con gli amici e quant’altro.

Quindi abbiamo una nuova scienza, abbiamo una scienza che ci permette di gestire quello che forse è l’aspetto più importante della nostra esistenza, ovvero la dimensione dell’affettività e dei rapporti che ci stanno a cuore.  

Dott. Danilo Toneguzzi


Comunicazione Affettiva © 2018 Riproduzione Riservata 

Marchi di accettazione PayPal

© 2019 Comunicazione affettiva