Questo sito utilizza cookies per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo. Maggiori informazioni al link Cookies

Il Conto Corrente Emozionale


Dott. Danilo Toneguzzi

 

Per capire come funzionano le relazioni e, soprattutto, per capire cosa possiamo fare per migliorarle e per consolidarle sempre di più, possiamo far riferimento al concetto di “Conto Corrente Emozionale”. Un concetto bellissimo e - direi - geniale, che ho incontrato per la prima volta, molti anni fa, leggendo un best-seller di Stephen Covey (a quel tempo si intitolava I Sette Pilastri del Successo e poi, nelle edizioni successive, è stato re-intitolato Le Sette Regole per Avere Successo) Il concetto di Conto Corrente Emozionale è un concetto che è stato ripreso anche da altri autori, e che è diventato una metafora molto utilizzata per spiegare le dinamiche emotive tra gli individui. Certo, è una metafora; però si avvicina molto a come accadono, di fatto, i fenomeni nel mondo interno a seguito di quello che succede nelle relazioni con gli altri.


Ognuno ha familiarità con i conti correnti bancari: bene o male, oggigiorno, praticamente quasi tutti gli individui hanno acceso un conto corrente presso una qualche banca per gestire il proprio capitale finanziario. Ecco, nella relazione con qualcuno è come se ognuno avesse un conto corrente, però emozionale, che risiede nel cuore dell’altro: in ogni relazione - quando inizia una relazione - entrambi gli interlocutori accendono un conto corrente emozionale nel cuore dell’altro e, a seconda di come verranno gestiti i due conti la qualità della relazione stessa potrà cambiare. Anzi, possiamo proprio dire che la qualità della relazione rifletterà lo stato di salute o meno dei conti correnti emozionali. I conti sono in attivo? La relazione va a gonfie vele! I conti sono in rosso? La relazione soffre, o va proprio a rotoli!


E come funziona un conto corrente bancario? Semplice, lo sappiamo tutti… Possiamo fare dei versamenti oppure possiamo fare dei prelievi. Possiamo fare molti versamenti, e il conto va sempre più in attivo; possiamo fare anche molti prelievi, ma se preleviamo più di quello che è depositato nel conto, allora andiamo in passivo - andiamo “in rosso” - e dobbiamo chiedere allora un “fido”. Possiamo anche chiedere dei prestiti, o addirittura accendere un mutuo consistente: in questo caso, però, ci si impegna, a restituire la somma “a rate”, altrimenti la banca avrà il diritto di rivalersi in un qualche modo…


Bene, e se il conto corrente bancario funziona così, come funziona il Conto Corrente Emozionale? Beh, più o meno allo stesso modo: ci possono essere versamenti o prelievi, il conto può essere in attivo o in passivo, ci sono i fidi, i prestiti e i mutui… Solo che, ovviamente, il capitale che si accumula o che si perde non è il denaro ma sono le emozioni e i sentimenti, …nel cuore dell’altro. Più versamenti facciamo, e più il nostro conto va in attivo; cioè, nel cuore dell’altro, si deposita fiducia, sicurezza, disponibilità, stima, apprezzamento e amore; più prelievi facciamo, invece, e più questi sentimenti si riducono. E quando facciamo così tanti prelievi da mandare in rosso il nostro conto, ecco che, sempre nel cuore dell’altro, inizia la sfiducia, la delusione, il timore, la disistima, il risentimento e tutte queste belle emozioni che possono mandare in rovina la relazione…


Ebbene, se vogliamo, quindi, far andare le cose per il verso giusto dobbiamo investire nella relazione, dobbiamo, cioè, fare i giusti versamenti nel nostro Conto Corrente Emozionale, che, ricordiamoci sempre, è nel cuore dell’altro. Ogni volta che facciamo, invece, un torto all’altro, o l’altro rinuncia a qualcosa a vantaggio nostro, quello è un prelievo che facciamo. Certo, come nei conti correnti bancari, i prelievi sono leciti, non sono un problema; possiamo anche avere un fido, e andare in rosso… ma se andiamo troppo sotto, se facciamo solo prelievi, allora è un problema.


Il concetto - o la metafora - del Conto Corrente Emozionale è molto semplice, ma rende bene l’idea. Allora, fermati un attimo, e pensa ad una relazione che ti sta a cuore; e chiediti: come sono i reciproci conti emozionali? Com’è il tuo conto nel cuore dell’altro? Com’è il conto dell’altro nel tuo cuore? Sono in attivo o in passivo? Se guardiamo onestamente alla dinamica di una relazione da questo punto di vista, ci possiamo spiegare molte cose…
In ogni caso, quali sono i versamenti che più ci garantiscono un conto in attivo? Covey ne suggerisce alcuni, molto specifici e precisi.


In primo luogo, “la comprensione”. La comprensione e, quindi, l’ascolto attento e interessato è fondamentale perché genera contatto e senso di riconoscimento. Infatti, quando in una relazione non ci sentiamo compresi, c’è più distanza; sentiamo che l’altro è centrato su di sé e non ci fa spazio. Soprattutto quando vogliamo dire qualcosa di importante, o abbiamo un problema, o vogliamo chiarire qualcosa che è successo nella relazione, abbiamo bisogno di sentire che l’altro ha capito, che ci ha compresi e che, quindi, ci considera. Ecco, la comprensione genera contatto e comunica considerazione: ogni volta che ci fermiamo, ascoltiamo e comprendiamo l’altro, facciamo un bel versamento nel nostro Conto Corrente Emozionale, che - ricordiamoci - è nel cuore dell’altro. E, oltre a ciò, la comprensione dell’altro è fondamentale per capire cosa è importante per il nostro interlocutore: se vogliamo far crescere e consolidare una buona relazione, dobbiamo sapere quali sono i versamenti che l’altro si aspetta o desidera.


In secondo luogo, “l’attenzione alle piccole cose”. Quando ci accorgiamo delle piccole cose significa che la nostra attenzione è fine, significa che l’altro è pienamente nella nostra attenzione. L’attenzione è un nutrimento fondamentale per l’anima: è un versamento prezioso; riconoscere le piccole cose, i piccoli gesti, i semplici comportamenti di tutti i giorni fa sentire all’altro che non è scontato, e questo fa un gran bene… Niente come l’attenzione alle piccole cose comunica interesse, disponibilità e cura amorevole.


Terzo consiglio di Covey: “mantenere gli impegni e le promesse”. Ecco, anche questo: mantenere gli impegni è prezioso perché genera affidabilità. Quanto è importante sentire che ci possiamo fidare della persona con cui siamo in relazione? Quanto è importante poter fare affidamento? Ecco… ogni volta che manteniamo gli impegni, o le promesse che abbiamo fatto, facciamo un bel versamento di affidabilità nel nostro conto.


Quarto consiglio: “chiarire le nostre aspettative”. Questo è molto importante, perché, di fatto, significa condividere chiaramente con l’altro cosa vogliamo che lui versi nel suo conto. Chiarire le aspettative, infatti, da la possibilità all’altro di sapere quali sono i nostri bisogni, quali sono i nostri punti sensibili e tutto ciò che è importante per noi. In altri termini, significa mostrare sé stessi, dando all’altro la possibilità di conoscerci e rispondere adeguatamente.


Quinto suggerimento di Covey per far crescere il conto corrente emozionale, è quello di “essere coerenti”. La coerenza anche è molto importante, perché genera senso di sicurezza. Nelle relazioni abbiamo bisogno di certezze e di stabilità: ed è questo che è generato dalla coerenza. Ogni volta che siamo o restiamo coerenti, diamo prova di certezza e stabilità all’altro, che quindi si sente più sicuro; per questo la coerenza è un altro versamento importante nel Conto Corrente Emozionale.


Infine, “riconoscere gli errori e scusarsi sinceramente”. Questo è proprio importante. Quando riconosciamo sinceramente gli errori, facciamo uno dei versamenti tra i più importanti nel conto corrente emozionale, e, normalmente è un versamento decisivo per riparare un prelievo che abbiamo fatto precedentemente. Riconoscere gli errori, infatti, significa prendersi le proprie responsabilità, per questo ha un grande valore; e scusarsi sinceramente, poi, è un segno di sensibilità nei confronti dell’altro: il valore delle scuse, infatti, è proprio legato al fatto che viene vista e riconosciuta la sofferenza dell’altro; cosa che già di per sé è in grado di alleviarla un po’.

Quindi, comprendere l’altro, dare attenzione anche alle piccole cose, mantenere gli impegni e le promesse, chiarire le nostre aspettative, essere coerenti e riconoscere sinceramente i nostri errori, forse non sono gli unici modi con cui una relazione può crescere e svilupparsi, ma certamente funzionano: sono versamenti positivi al 100 %; sono investimenti garantiti, e ad alto rendimento, come si direbbe in un linguaggio finanziario.


La relazione è qualcosa di vivo e dinamico, dove, al suo interno, succedono un sacco di cose; la relazione cresce, si può danneggiare e si può riparare. Certamente, più una relazione è solida, e più è in grado di far fronte anche ai momenti difficili; ma la solidità di una relazione consiste proprio in quell’abbondanza che si deposita a seguito dei reciproci versamenti. Se è vero, quindi, che la pace e la soddisfazione in una relazione sono fondate sull’abbondanza, possiamo dire che più i Conti Correnti Emozionali sono in attivo, e più ci sarà pace e soddisfazione reciproca.

 

Dott. Danilo Toneguzzi

 

Comunicazione Affettiva © - 2020. Riproduzione Riservata

 

Guarda i contenuti di questo articolo anche nella versione video:

Marchi di accettazione PayPal

© 2021 Comunicazione affettiva