Questo sito utilizza cookies per migliorare servizi e informazioni. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo. Maggiori informazioni al link Cookies

Cos'è il ruolo, o posizione?


…ANCORA A PROPOSITO DI RUOLI 

dott. Danilo Toneguzzi

In un video precedente ho introdotto il tema dei ruoli nelle relazioni affettive sottolineando l’importanza che il ruolo, o la posizione, ha all’interno di una relazione per il buon funzionamento della stessa.

Cos’abbiamo visto?
Primo: che gli interlocutori all’interno di una relazione prendono dei ruoli di fondo.

Secondo: i ruoli che vengono presi non sono infiniti ma corrispondono alle tipiche posizioni nelle relazioni affettive, che sono di fondo quattro.

Terzo: quando i ruoli che vengono presi non sono quelli corretti per il tipo di relazione inevitabilmente andremo incontro a delle difficoltà o a delle problematiche. 


Ma che cos’è, di fatto, un "ruolo"? 


Precedentemente ho spiegato che il ruolo non ha nulla a che vedere con gli stereotipi tipici del passato, anche perché questi cambiano nel tempo e sono soggetti alle culture. 
Ma cosa vuol dire quando, ad esempio, diciamo: “Comportati da uomo”, o “Comportati da donna”, o “Non fare il bambino”, oppure “Non farmi da mamma”?
Cosa significa quando usiamo queste espressioni?


Beh, in un qualche modo, facciamo riferimento a un certo modo di essere, facciamo riferimento ad un atteggiamento, che definiamo ruolo. 
Questi ruoli manifestano delle funzioni, dal momento che ogni relazione affettiva ruota prevalentemente intorno ad una particolare funzione. 

Ad esempio, la relazione genitoriale si costruisce intorno prevalentemente alla funzione di accudimento, alla funzione della cura, alla funzione della protezione. E così anche le altre relazioni affettive si costituiscono intorno a determinate, particolari funzioni. 


Il ruolo, quindi, o la posizione, sarebbe quel particolare modo di essere che incorpora e che manifesta sufficientemente quella funzione che sarebbe richiesta da quel particolare tipo di relazione affettiva. 


Prendere un ruolo all’interno delle relazioni affettive è un processo tendenzialmente inconscio che è scritto come codice nella nostra biologia di mammiferi superiori. Quindi non è frutto di un pensiero razionale, ma avviene automaticamente; e le posizioni che vengono prese all’interno delle relazioni affettive, quindi, possono essere in accordo con le particolari funzioni, oppure no.


E perché è così importante il ruolo nelle relazioni affettive? 
Beh semplicemente perché il ruolo va a definire le aspettative che avremo nei confronti del nostro interlocutore.
Ed è questo il motivo per cui è così importante mantenere il cosiddetto ordine all’interno delle relazioni. 
Ad esempio: se io sono un bambino e mi rapporto con una figura genitoriale inevitabilmente avrò nei suoi confronti l’aspettativa che sia più forte di me, che mi guidi, che mi protegga e che mi dia un senso di sicurezza. Ma se io mantengo la stessa aspettativa ad esempio, nei confronti del partner, ecco che allora manterrò una posizione da bambino all’interno della coppia: e questo, normalmente, rischia di comportare delle difficoltà e delle problematiche proprio perché le aspettative saranno, molto probabilmente, deluse. 


Quindi, se abbiamo dei ruoli sbagliati all’interno delle relazioni affettive, molto probabilmente andremo incontro a delle aspettative che saranno deluse; andremo incontro a delle incomprensioni e questo comporterà delle situazioni problematiche a volte molto difficili da risolvere. 

C’è da dire, inoltre, che le problematiche da impostazione del rapporto sono particolari proprio perché non nascono da situazioni puntuali, ad esempio da un conflitto o da un litigio o da qualcosa di scorretto che è stato detto: le problematiche da impostazione del rapporto sono problematiche che si sviluppano pian piano nel tempo e di cui non ci si accorge facilmente. 
Non vengono dette cose sbagliate, non vengono fatte delle cose sbagliate ma è il ruolo, cioè è la posizione, è l’atteggiamento che sta alla base di quello che noi agiamo o diciamo nella relazione che non è quello che il nostro interlocutore si aspetta. 
Per cui sono molto più difficili da riconoscere e tipicamente sono anche molto più difficili da riequilibrare e da riaggiustare. 



Questo dei ruoli, quindi, è un argomento veramente molto importante e decisivo al fine del destino di una relazione e questo è il motivo per cui ovviamente la storia deve continuare…
 
Comunicazione Affettiva © 2018 Riproduzione Riservata

Marchi di accettazione PayPal

© 2019 Comunicazione affettiva